venerdì 25 maggio 2012

Brindisi Scuola Bomba: aleXsandro Palombo attacca la Camera della Moda

aleXsandro Palombo ha attaccato duramente la strumentalizzazione che la Moda ha fatto della tragedia che ha colpito brindisi, ora lancia un attacco duro anche alla Camera della Moda. Qui tutta la storia

tweet trussardi_001.jpg
Ve ne avevamo parlato qualche giorno fa, dopo i tragici eventi di Brindisi e l'attentato che ha portato alla morte la giovane Melissa Bassi, le aziende della moda italiana discutevano su Twitter per dare vita ad una iniziativa per ricordare Melissa Bassi. Vi avevamo mostrato lo scambio dei tweet e lo sdegno di aleXsandro Palombo, autore del blog Humor Chic, che è cresciuto a poche centinaia di metri dal luogo del tragico avvenimento, accusando le case di moda di strumentalizzare a fini pubblicitari la tragedia. Ora la storia prosegue e ve la raccontiamo su Style & Fashion.
Annunci Google
Vuoi Lavorare nella Moda?Richiedi info sui Corsi Accademia del Lusso Milano. Contattaci ora!www.corsi-moda-milano.it
Vuoi Lavorare nella Moda?Corsi per Stilisti e Modellisti Lezioni Pratiche e Tirocinio. INFO!www.studiomodarossella.com
Kia Sponsor Euro 2012Vieni a conoscere la Nuova Cee'd. L'Auto Ufficiale di EURO 2012.www.kia-auto.it/new-ceed
Secondo aleXsandro Palombo, la massima responsabilità per lo spiacevole accaduto va attribuita alla figura del suo Presidente Mario Boselli, poichè non ha saputo vegliare sull'organo che rappresenta e non si è preoccupato di richiamare all'ordine i suoi consiglieri. Lo scandalo che è finito sulle pagine del giornale il Quotidiano di Brindisi è partito qualche giorno fa da una serie di Tweet.
Ripercorriamo la storia segnalandovi, l'appoggio per l'iniziativa la moda #PerMelissa: a sostegno @riotta @lavibiagiotti @cameramoda @MLTrussardi @alberto_matano ed anche il giornalista di Vanity Fair @luca_bianchini che ha sua volta ha retwittato il Tweet di Alberto Matano del TG1.
Il giorno stesso dei funerali la Sig.ra Maria Luisa Trussardi invece di rispettare il Sacrosanto "Silenzio e Rispetto" invocato dall'indignato aleXsandro Palombo, ha preferito proseguire con il marketing tweetarolo è qualche ora prima dei funerali di Melissa ha scambiato un Tweet con Vera Montanari, Direttrice del settimanale di moda Grazia (nel post le foto dei tweet): "@VeraMontanari @riotta @lavibiagiotti @mltrussardi Certo, volentieri. Mi faccio venire qualche idea e poi ci sentiamo".
A questi Tweet è intervenuto aleXsandro Palombo scrivendo ad entrambe:
@MLTrussardi @VeraMontanari Che Vergogna non mantenere il SILENZIO neanche il giorno dei funerali. Approfittare della morte di innocenti... 
@VeraMontanari Una donna vera, una Mamma avrebbe ripettato il dolore della nostra città con il Silenzio e non con questa vile autopromozione. 
Tra l'altro il Tweet precedente della Sig.ra Vera Montanari prendeva in giro una frase del Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola, che si accingeva da lì a poco a prendere parte ai funerali di stato che si tenevano nel paese di Mesagna, di seguito il Tweet: "@VeraMontanari @NichiVendola Non avrei mai voluto vivere un giorno come questo". Ma chi mai, scusi? Strano modo di esprimersi".
E così la Direttrice di Gioia Vera Montanari, ha dato il suo sostegno alle idee che venivano lanciate nella rete, idee non supportate da un progetto serio che è stato pensato in silenzio per poi essere realizzato e attuato, il tutto si è sviluppato attraverso le parole, parole lanciate al vento del web che sono ricadute come per magia nelle redazione delle agenzie stampa come l'Ansa che ne ha fatto un dispaccio, e sui tavoli dei quotidiani come Il Messaggero, Il secolo XIX, ed anche la stessa Stampa che ha pubblicato un lungo articolo che guarda caso portava la firma dello stesso Gianni Riotta.
Qui uno stralcio dell'articolo di Riotta sulla Stampa: "Twitter funziona come un tam tam, di persona in persona. Lavinia Biagiotti e Maria Luisa Trussardi, @lavibiagiotti e @mltrussardi online, hanno aderito alla proposta e assicurato che oggi stesso la condivideranno con i colleghi riuniti nella Camera della Moda. Le direttrici delle riviste, Franca Sozzani @francasozzani, @veramontanari, Vera Montanari hanno avuto incoraggiamenti perché, arbitre del sistema moda, rilancino il progetto. Messaggi dalla rete sono partiti per Armani, Miuccia Prada, Diego della Valle, Versace, Zegna, Cavalli e tanti altri: prendete per mano i ragazzi di Brindisi che sognano di essere come voi, scoprite tra loro talenti, professionalità."
Il giorno stesso Palombo tramite Tweet fa sapere di essere immensamente sdegnato su quello che certi personaggi della Moda italiana continuano ad attuare e pensa di mettere al corrente della questione anche Stefano Gabbana e Franca Sozzani inviandogli tramite Twitter il nostro pezzo apparso su Blogosfere Style & Fashion.
Di seguito il Tweet inviato da aleXsandro Palombo e la risposta di Stefano Gabbana: "@HumorChic @stefanogabbana Vergogna per la moda italiana arrivare a tanto squallore pur di trovare uno sporco riflettore CHESCHIFO http://bit.ly/KByEXc". "@stefanogabbana @HumorChic ok... Sono d'accordo....".
Poi un altro Tweet inviato a Franca Sozzani di Vogue con riferimento al pezzo di Blogosfere: "@HumorChic @francasozzani Vergogna per la moda italiana arrivare a tanto squallore pur di trovare uno sporco riflettore CHE SCHIFO http://bit.ly/KByEXc".
Ed ecco che il giorno dopo, è il 22 Maggio, Franca Sozzani dice la sua attravero un articolo pubblicato sul suo Blog dove attacca duramente chi strumentalizza la tragedia per scopi personali, per il solo apparire Le belle azioni nascoste sono le più stimabili: "E per associazione di idee oggi, leggendo blog vaneggianti o promesse di aiuti che non arriveranno mai o frasi di persone che sfruttano momenti di tragedia per mettersi in mostra - tragedie per altro toccate ad altri."Le belle azioni nascoste sono le più stimabili". Bisognerebbe agire in silenzio, ma agire, e non per farsi vedere o sfruttare il momento per mettersi in mostra", ha scritto Franca Sozzani.
Il giorno stesso aleXsandro Palombo, ancora profondamente scosso ed indignato, con la sua tipica ed originale verve lancia una forte provocazione per mettere a nudo molti dei soggetti interessati, e tramite Twitter propone di istituire una Borsa di Studio MODA contro il Razzismo per i figli degli Immigrati, una bellissima azione per sostenere l'integrazione e la multiculturalità beni fondamentali per una comunità moderna e civile.
aleXsandro Palombo, sul suo Blog Humor Chic pubblica un forte ed intelligente Video girato a Bergamo, città della Sig.ra Maria Luisa Trussardi e di molti altri industriali della moda, nel video si vede un giovane Immigrato che lancia il suo disperato urlo di dolore contro i passanti della città, le sue forti parole sottointendono tutto lo sdegno che c'è verso la piaga del razzismo che pervade in tutta la città. Una provocazione profonda quella di Palombo, un'importante riflessione a cui nessuno però ha avuto il coraggio di controbbattere.
 
aleXsandro Palombo ha attaccato infatti duramente la strumentalizzazione che la Moda ha fatto della tragedia che ha colpito la sua comunità, nel lungo articolo del Quotidiano di Brindisi "Gli Stilisti per Melissa? Solo Spot Pubblicitario" che lancia un attacco duro anche alla Camera della Moda, accusando la stessa di non essere stata responsabile nel gestire l'informazione che è stata veicolata dalle figure di Lavinia Biagiotti e Maria Luisa Trussardi che sono esse stesse consiglieri della Camera Nazionale della Moda.
" Un azione oltraggiosa e scandalosa, la più totale mancanza di rispetto e sensibilità che ha dimostrato chiaramente il vero volto che contraddistingue il sistema della Moda italiano, non c'è professionalità in molte figure che ruotano intorno a Camera della Moda", ha dichiarato aleXsandro Palombo.
"E' gravissimo che Camera della Moda si sia fatta pubblicità sulla tragica morte di Melissa, nel momento stesso in cui dei suoi stessi consiglieri tirano in ballo il suo nome e lo fanno girare sui giornali, le colpe e le responsabilità non sono solo dei suoi consiglieri ma vanno attribuite anche alla Camera della Moda, poichè non ha preso immediatamente provvedimenti, nè le distanze da un'azione di tale portata e gravità. La massima responsabilità va alla figura del suo Presidente Mario Boselli, che non ha saputo vegliare sull'organo che rappresenta e non si è preoccupato di richiamare all'ordine i suoi consiglieri, un atto gravissimo di totale insensibilità e superficialità. Ci saremmo aspettati un richiamo forte, uno stop a questa immane e disgustosa pagliacciata, che ancora in questi giorni è proseguita senza sosta sul web. La Camera della Moda ha preferito rimanere in silenzio e cavalcare l'onda di Marketing pubblicitario messo in atto dai suoi collaboratori, consiglieri e soci. C'è profonda Vergogna e Sdegno per l'atteggiamento irresponsabile riguardo il comportamento di queste persone. I giovani di Brindisi, la città, il Papà dell'innocente Melissa, i famigliari delle vittime e tutta la comunità hanno dimostrato quanto rispetto, onore, dignità e coraggio rende grandi le persone della nostra piccola comunità. In questo momento tutta la comunità cerca solo una cosa, che chi ha compiuto questo atto criminale venga assicurato alla giustizia, solo questo. Un luogo di sangue e attentato non può essere umiliato e trasformato in una squallida passerella" prosegue aleXsandro Palombo"
E' di oggi infine il pezzo de Il Fatto Quotidiano che titola Brindisi, la Moda soccorra prima se stessa, un bel pezzo di Paolo Boggi che vi consiglio di leggere.


http://styleandfashion.blogosfere.it/2012/05/brindisi-scuola-bomba-alexsandro-palombo-attacca-la-camera-della-moda.html

Nessun commento:

Posta un commento