mercoledì 11 gennaio 2012

A Pitti scoppia la guerra dei Piombo

A Pitti scoppia la guerra dei Piombo. Da un lato l'omonimo brand, concesso in usufrutto alla società Massimo Piombo, dall'altro lo stilista ligure Massimo Piombo, che da qualche mese non è più alla guida creativa del marchio da lui fondato e anzi - ha dato vita attraverso la MP srl a una nuova etichetta, battezzata MP di Piombo. Entrambi presenti alla fiera fiorentina con un proprio stand a pochi metri uno dall'altro.
È questa la prima, parziale ricostruzione della guerra scatenatasi - per ora sulle pagine dei giornali, ma che non esclude il ricorso in futuro alle carte bollate - tra lo stilista e i suoi ex soci, per lo sfruttamento a livello mondiale del marchio "Piombo" a cui fanno capo tra gli altri business, una boutique in via Bigli a Milano. Il marchio era intestato alla Piombo srl (messa in liquidazione) e poi concesso in usufrutto alla Massimo Piombo, di cui il creativo genovese stesso era socio minoritario. Ma lo scorso ottobre il designer, entrato in conflitto con la nuova gestione, decide di sganciarsi dal progetto e di assumere la direzione creativa di una nuova collezione autunno-inverno 2012 con il marchio MP di Piombo, che fa capo alla newco MP srl. Dopodiché lo stilista, ritenendo risolto il contratto di usufrutto del marchio Piombo concesso alla Massimo Piombo srl, ha pubblicato sul Corriere della Sera di ieri un annuncio per vietare l'uso del marchio Piombo a chi a suo avviso non ne ha più diritto, oltre che per mettere al corrente una "circostanza di cui il mondo della moda deve essere informato".
La Massimo Piombo srl, dal canto suo, contattata da fashionmagazine.it, rivendica la legittima proprietà del brand e annuncia di voler andare avanti con il progetto Piombo e che dopo Pitti sarà presente con un suo spazio al Premium di Berlino. Lo stilista ligure, invece, annuncia per i prossimi giorni una conferenza stampa in cui spiegherà nei dettagli l'intera intricata vicenda.
an.bi. 

http://www.fashionmagazine.it/news/pages/showmsg.prl?id=24255&type=1

Nessun commento:

Posta un commento